Stai Zitta Logo

MEMORIES, SERVED SWEATY

By COURTNEY DENK (PHOTOGRAPHY) and ANONYMOUS PUNKS (STORIES)

. In COOLTURA

Abbiamo chiesto a tre ragazzi di raccontarci la settimana più figa di tutte le loro estati–ecco cosa hanno detto.

 

 

“Sono scappata via senza pagare da una ristorante mega chic dopo aver mangiato solo cruditè di pesce e bevuto champagne, per andare a comprare la cocaina e andare alle giostre strafatti. Ho scopato con un ragazzo appena conosciuto per scommessa, nonostante io sia lesbica ho perso un volo (e un esame!) per poter baciare la tipa che mi piaceva (e che alla fine non ho più baciato lol loser 🙁 Ho dato una mega festa da me piena di droga e alcol è venuta la polizia a interrompere tutto non ho mai mangiato in casa. Ogni pasto, dalla colazione alla cena, l’ho fatto fuori in giro, e sono ingrassata come un porco di notte sono entrata nella palestra del mio vecchio liceo con dei miei amici a giocare a fresbee e a basket fino alla mattina, il bidello poi ci ha chiusi dentro e voleva chiamare la polizia. Ho scopato dentro un cimitero.”

 

 

“A Lisbona con consorte abbiamo raccattato un’altra coppia su Grindr (#scambisti) che ha deciso di deliziarci con una giornata in spiaggia. Sebbene avessimo suggerito di muoverci con Uber sino alla spiaggia, dato che le nostre favorevoli condizioni economiche lo avrebbero permesso, hanno insistito per muoverci utilizzando il treno poiché la peculiarità della spiaggia era quella di essere vicina alla stazione.

 

Ci portano dunque nella spiaggia più brutta di credo l’intero Portogallo, al posto della sabbia total cemento armato, nessuna possibilità di imboscarsi, acqua gelida e sporca, treni a distanza 5 metri. La nostra incompatibilità si faceva sempre più marcata ogni ora che passava, “il mio gruppo preferito sono i Guns ’n’ Roses”, “No, non conosco, come hai detto che si chiama? Versage?”. Se per fortuna il bar della stazione/spiaggia serviva una vasta varietà di superalcolici cosi da consentirci di sopravvivere al madornale errore, la nostra coppia-date non era della stessa opinione, poiché si sono persino rivelati astemi.

 

Dopo 2 ore eravamo completamente sbronzi e camminavo in obliquo, dunque eravamo collettivamente allineati sul fatto che fosse il momento di tornare verso la nostra magione per consumare. Una volta raggiunta la destinazione rigorosamente in treno abbiamo avuto la scontata rivelazione che la coppia-date, sebbene prestanti e appetibili, era noiosa a letto tanto quanto per strada, basic in the streets, basic in the sheets. Morale della storia: se un uomo non conosce Versace non sa scopare (si badi al sillogismo, non è detto che se lo conosce sappia scopare, però sicuramente se non lo conosce, non sa scopare).”

 

 

“Quando avevo 20 anni ho dovuto fare la chirurgia sulla gola. Ho dovuto stare a letto per due settimane. Ogni giorno prendevo oxycodone e guardavo Mad Men. Era il periodo piu’ bello della mia vita. Il mese prossimo mi mancava troppo “la medicina” e ho cominciato a fare eroina.”

 

FOLLOW COURTNEY HERE