Stai Zitta Logo

SCOPEREI PER UN GREEN CARD

By EMMA MARTINELLI

. In GOSSIP

 

 

Mi sono sempre sentita un po’ fuori posto in questa landa italica e perciò voglio andare a vivere in USA *take me to the Hamptons Bugatti Veyron* dove tutti mi capiscono, o almeno dove sono più vicina geograficamente a Chris Pratt.

 

Quando i tuoi modelli femminili sono Patty Pravo e Ozzy Osbourne è difficile adattarsi al prototipo di donna italiana “che tanto gentile e tanto onesta pare quand’ella altui saluta”, e che magari porta le Hogan.

 

Il punto è che in Italia siamo così noiosi e conservatori, ad esempio, con i miei occhi qualche giorno fa ho visto un tipo scacciare dal suo ristorantino dei turisti solo perché volevano violare uno dei sacri vincoli tra pane e salume:

 

Turista incosciente 1: “Vorrei un panino con salame e prosciutto.”
Oste nazi: “Con salame o con prosciutto?”
Turista incosciente 1: “Con salame E prosciutto.”
Oste nazi: “Ah. no. Io non faccio queste cose.”
Turista incosciente 2: “Ma noi lo facciamo sempre in America.”
Oste nazi: “Madame, mi dispiace per voi.”

 

I tipi sono usciti dalla porta increduli e leggenda narra che stiano ancora vagando per Firenze alla ricerca di un salumiere anticonformista, rivoluzionario e probabilmente satanista.

 

Non vorremmo vivere in un mondo in cui non si viene messi alla gogna semplicemente ordinando un panino? Pensiamoci bene: anche se tutti rabbrividiamo al solo pensiero della pizza con l’ananas (bleah!), non vorremmo avere la libertà di rompere gli schemi? Di inventare? E magari di fare schifo? (Pur che piaccia a noi). Insomma, non vorremmo avere la libertà di ricominciare a sognare?

 

Io voglio sventolare la bandiera a stelle e strisce cantando i Twisted Sisters da una Ford cabrio con la bocca piena di patatine fritte mentre sparo fuochi d’artificio rossi bianchi e blu dalle tette. Voglio iniziare il mio format televisivo in cui miliardari montano mobili Ikea. Voglio diventare un uomo ricco e potente come Beyoncé. Insomma, ho dei progetti. Per tutti voi che avete la stessa aspirazione ho stilato un breve elenco di modi con cui poter piantare le radici nella terra di Melania e mai andarsene (come l’herpes).

 

Ma attenzione, alcuni avvertimenti:

 

– Dovreste imparare nuove unità di misura.
– Gli americani hanno inventato Grey’s Anatomy e Dio solo sa quale altro orrore potrebbero partorire.
– In America sono tutti circoncisi e qualcuno di voi potrebbe impressionarsi.

 

Se queste cose non vi spaventano a morte e siete decisi a partire ecco come fare, l’obiettivo è sempre quello di procurarsi una green card, ovvero una carta di residenza permanente. Ci sono vari modi per ottenerla, vi elenco i 6 che mi ricordo al momento:

 

– Sposare un americano e farsi sponsorizzare da esso (ci sto lavorando)

 

– Dare la luce ad un figlio in USA e aspettare. Dopo 21 anni, quando sarà bello maturo, agitare, mescolare e fargli richiedere una green card per mammà. (Non fatemi generare prole)

 

– Ottenere un visto di lavoro. (Al massimo mi fanno un visto di stage)

 

– Tentare la Diversity Visa Lottery: è una lotteria che il governo americano organizza tutti gli anni per assegnare un tot di green card. (Non vi dirò molto di più perché se ve lo spiego bene e voi la fate ho meno possibilità di vincerla io. Quindi fate finta di niente, grazie)

 

– Comprarsi la green card (in pratica) investendo un botto di soldi in aziende americane, dando lavoro ad almeno 10 persone. (Il mio telefono della doccia si regge grazie ad un intricato sistema di elastici per capelli e ho fatto un finanziamento di 42 anni per il pc)

 

– Immigrare illegalmente rotolando rannicchiata all’interno di un copertone di un tir e vivere per sempre con l’ansia di dover essere rispedita nel proprio agghiacciante paesino di origine. (L’ultima spiaggia)

 

Infine vorrei lanciare un appello direttamente al presidente:

 

Cara Beyoncé,
Se mi fa da sponsor gli risolvo anche il problema dei meno abbienti.
È semplice, moriranno tutti perché non avranno soldi per curarsi la peste causata dall’odore di trippa alla fiorentina che porterò da casa.
Risp please.

XOXO

Emma

 

~Segui Emma QUI~

Comments