Stai Zitta Logo

FUGGLY

By THE CUNTESS

. In GUCCIDERE

Nel regno della moda all’inizio degli anni 2000 venne scoperta una nuova creatura: 

 

GLI UGG

 

La prima comparsa risale a un pomeriggio di sole a Malibu nel lontano 2006, dove un’ignara Paris Hilton sfoggiava un paio di stivaletti alquanto insoliti: senza una forma definita, dall’aspetto comodo e dalla totale assenza di grazia e raffinatezza. In seguito questi bislacchi calzari vennero nuovamente ri-avvistati dopo breve tempo ai piedi di una Britney Spears decisamente provata alle prese con la sua routine. Nel giro di qualche mese la specie si moltiplicò invadendo le scarpiere di tutte le it-girl del globo e, successivamente, estendendosi anche alle semplici casalinghe in cerca di una coccola per i loro piedi freddi e trascurati. Purtroppo dopo alcuni anni floridi gli esemplari di UGG iniziarono a diventare sempre più rari, rintanandosi in qualche cesta delle offerte da Scarpe&Scarpe o venendo trasformati in porta cellulare nei macabri uffici stile di Terranova.

 

 

 

A distanza di quasi un decennio dalla loro scoperta la specie si dichiarò totalmente estinta, rimanendo nella mitologia della moda per il resto dei secoli. Di recente però un archeologo esperto nel riesumare tendenze fashion del passato per rielaborarle nella speranza di diventare ancora più ricco e ancora più di cattivo gusto ha deciso di rilanciare le suddette calzature.

 

 

 

Di fatti Jeremy Scott ha appena lanciato su Instagram la notizia della sua collaborazione con UGG. Fiamme, scritte in gotico, perline, swarowksi. No comment. Ovviamente la Jeremy ha dato il LA per riportare in auge gli ambigui stivali per la stagione invernale. Come se non ne avessimo già le palle piene di cercare su Shpock e Depop le saddle bag di Dior da sfoggiare nelle nostre Instagram stories per essere delle perfette 00s girls, ora è giunto il momento di fare lo stesso per gli UGG (anche se OVVIAMENTE le nostre amiche ultrafashion avevano già captato il sentore di questo trend anni fa, magari postando una di quelle immagini idiote che riportano scritte “everything you like, I liked 5 years ago”). Magari però evitando di comprare quelli di Jeremy Scott.

 

xoxo,

The CUNTess

Comments