Stai Zitta Logo

BAD BITCHES INTERNATIONAL! PART ONE: LATINAS

By STARLA SIOUX

. In COOLTURA

Latinas do it better! Fatti attizzare dalle artiste più calde della scena internazionale.

 

 

Se TRAP ti dice Ghali, ti dice decisamente male.

Il trap è forse il genere del momento, che ha visto nel 2016 il suo anno di massima ascesa, ma è il trap latino e specialmente la sua deriva femminile slash femminista quella che ci piace davvero. I testi e le tematiche delle artiste trap sono totalmente diversi da quelli dei loro colleghi maschi: dal possesso di armi e droga si passa a tematiche femministe e di empowerment, riappropriandosi di un genere da sempre concepito come esclusivamente maschile. Quella che segue è una carrellata di artiste e produttrici self-made, suddivise per paese di provenienza. Trap ma anche dancehall, reggaeton e hip-hop, il tutto condito da una estetica lo-fi super trash che adoriamo.

 

***ARGENTINA***

 

Nathy Peluso

Si dice che la musica di Peluso venga da un altro spazio temporale. Swing, soul, R&B, jazz e blues scorrono nel suo sangue da sempre, ma è nell’hip-hop che trova la sua dimensione espressiva, che sublima con un’estetica 80s pazzesca e uno charme da diva d’altri tempi. La sua Corashe è una delle tracce più interessanti degli ultimi tempi. Sul finale la nostra Nathy suona come una donna partenopea tradita e piena di sdegnato fascino.

 

 

Dakillah

La promessa del rap spagnolo ha iniziato per gioco, caricando su YouTube i propri video autoprodotti mostrando le sue skills di beatboxing e fraseggio. Nel video del suo primo singolo, Number One, ci ricorda una Brooke Candy vecchio stile. il suo flow è super chill e rilassato, proprio come lei.

 

 

Cazzu

Cazzu non sta per Cazzuta, ma per Cazzuchelli, l’inprobabile cognome dell’artista Argentina. Muovendosi dai generi tradizionali della sua terra come la Cumbia e il Reggaetón, Cazzu è approdata al trap come genere d’elezione. Nei testi dei suoi pezzi combatte gli stereotipi femminili, ritraendosi come una bad girl che fa ciò che desidera senza mai scusarsi per questo.

 

 

Ms Nina

Argentina di nascita ma spagnola di adozione, Ms Nina ha 25 anni e si definisce una femminista ironica e molto auto ironica. E’ la più divertente tra las trapistas spagnole e la sua estetica di riferimento si rifà a MTV e alla cultura kitsch-pop. Il suo singolo Chupa-Chupa è un inno femminista e anti machista, il videoclip è semplicemente un capolavoro.

 

 

***BRASILE***

 

Áurea Semiseria

Questa MC di Salvador è stata chiamata dai suoi colleghi uomini in molti modi: ritardata, nera, grassa, piena di arie. E’ un punto di riferimento del femminismo brasiliano. Nei suoi testi parla di rappresentazione femminile, violazione degli standard, accettazione, famiglia e machismo nel mondo hip-hop.

 

 

BadSista

È una produttrice di incredibile gusto e talento e una fervente sostenitrice della musica nazionale, specialmente di quella che proviene dalla periferia. Non si spiega il successo di colleghi maschi e privilegiati come Skrillex e Diplo, che definisce fieramente gringos: “hanno il triplo delle nostre possibilità e del supporto di quello che avremo mai noi in Brasile, ma non sanno fare la metà di quello che facciamo noi.”

 

 

***SPAGNA***

 

Bad Gyal

Un’altra super Baddie originaria della Catalogna e col feticcio della Rihanna nazionale. (e come biasimarla?) E’ stata definita la reina de la trap catalana (ma anche della dancehall, dell’hip-hop e del reggaeton) imponendosi come fenomeno virale a soli vent’anni. Chapeau.

 

 

Kris La Vey

Originaria di Granada, è una Rossy de Palma Gangsta edit. Non sappiamo molto di lei, ma nella sua Anaconda cita la Divina Commedia come sua grande ispirazione. Già ci piace.

 

 

Blondie

Debbie Harry chi?

Da Barcellona con furore, Blondie si avvicina al trap per pura noia e per aggirare la disoccupazione. I suoi testi parlano della mancanza d’amore, di denaro e soprattutto della sua grande passione, la marijuana.

 

 

***ISOLE ANTILLE***

 

D’Valentina

D’ Valentina definisce la sua musica urbana, con influenze R&B, Dancehall, Trap, Hip-Hop e Soul.

E’ uno dei nomi più promettenti della scena musicale attuale.

 

 

 

 

Comments