Stai Zitta Logo

CHE TIPO DI SPOGLIARELLISTA SEI? 10 CANZONI SU CUI SPOGLIARSI QUEST’ESTATE!

By RIVA

. In COOLTURA

Anche se alcuni si ostinano ad atteggiarsi a Madre Superiora del convento del “Vietato-chiavare”, tutti noi abbiamo una stripper nascosta nei meandri della nostra personalità. Molti hanno avuto la fortuna di poterla conoscere in svariate occasioni (generalmente trasportati dai fumi alcolici), altri, invece, si sono direttamente identificati in quella sfumatura un po’ zoccola del proprio carattere.

 

 

Stai Zitta vi propone una piccola raccolta di 10 pezzi abbinati a 10 profili stripper che andranno ad aumentare ulteriormente le temperature della già globalmente surriscaldata estate 2017.

 

E tu, quale stripper sei?

 

IS IT ALWAYS BINARY – SOULWAX

 

 

Un grande classico: la poetessa maledetta. Se non l’hai vista in un film di Gaspar Noé potresti averla incontrata a una lettura di poesia contemporanea in qualche polveroso appartamento parigino a Belleville. Fisicamente è bruttina, ma la sua preparazione culturale e conoscenza di De Sade hanno fatto di lei una pantera mangia-uomini. Ama la french house, principalmente perché ama i DJ che la suonano e le droghe pesanti: per questo motivo sceglie un brano di Soulwax per spogliarsi alla Java.

 

93 ‘TIL INFINITY – SOULS OF MISCHIEF

 

 

Questa stripper si finge impacciata e straight acting per attirare la propria preda nel suo boudoir psicoattivo, rilassarla e consumarla in un secondo momento. È la regina degli hookup 420 masc for masc, ti accoglie in tuta di jersey grigio, rosario e canottiera, ma sotto è già pronta con jockstrap e buttplug glitterato.

 

EL MACHICO – DPG + GUE PEQUENO

 

 

Questo profilo stripper è tipico milanese, probabilmente ha molti followers su Instagram, ottenuti a colpi di culo. Fisico perfetto, total WOVO pastello, una decina di uomini sotto controllo e in cerca dell’anima gemella. Dai modi forti, impazzisce per la DPG ma non se li farebbe mai: preferisce sopra il metro e novanta e preferibilmente in scala di neri.

 

IL TEMPO DI MORIRE – BATTISTI

 

 

Lei è la spezzacuori definitiva. Quella che ti fa soffrire veramente. Lei non è una delle tante, lei vive per distruggerti. Mette Battisti con disinvoltura al jukebox d’un bar di provincia vuoto in una notte d’estate, dopo aver vinto una partitella di biliardo e aver rubato il cuore della vittima designata con qualche citazione di Pasolini e Sanguineti. Sono 4 anni che fa quella stessa coreografia nello stesso bar dopo aver vinto a biliardo e aver snocciolato quelle stesse frasi pronte. E settimana prossima forse ci torna con quell’HR prestante che hanno appena preso a Roma da Gucci.

 

SAMBACA – ALIEN ALIEN

 

 

Lei balla in anfetamine sulle porte delle Dark Room per far capire alla propria preda che un pompino non basta per metterla a cuccia, e forse nemmeno una sessione anale. Nonostante sia il 2017, continua a rimanere fedele agli orecchini di cocco e la trovi spesso e volentieri al centro MST.

 

TI AMO – PHOENIX

 

 

Lei è la ragazza street-posh del Jetset internazionale. È molto carina ma in modo genuino, non artefatto. Ha molte zine, conosce (leggasi si è scopata) molte band, veste APC e brand emergenti streetwear. Quando mette questa canzone per spogliarsi e sedurre si è già tirata due grammi di cocaina, il tavolo, il pavimento, il loft berlinese e l’intero complesso residenziale. È un po’ brilla, quei 18 negroni le hanno dato alla testa, ma non ha perso il fascino latino che la contraddistingue e la sua spontaneità, apprezzatissima nel mondo patinato che la ospita.

 

MI NOVIA – DON MIGUELO

 

 

Una vera stripper professionista. Fa CrossFit ed ha tatuaggi fra il ribelle e l’esoterico. Non sta nemmeno più cancellando i suoi DM Instagram per quanti tipi si è fatta (tanto varrebbe cancellare l’intero account, ma significherebbe un grave danno per il suo mercato, oltre che la perdita di un archivio storico di cock pics). Fra le sue Instagram stories principalmente palestra e smoothies. Lo stesso profilo è applicabile anche al fidanzato, con cui gestiscono un canale Xtube dove condividono le loro avventure in mondovisione.

 

INTO YOU – ARIANA GRANDE

 

 

Lei è #sola, povera, ubriaca e grassa. Single, balla davanti allo specchio in mutande ascoltando Dangerous Woman, ma la situazione diventa troppo wild quando parte I’m Into You e scivola sul tappetino Tiger rompendosi una clavicola e lo specchio (aggiudicandosi quindi altri 7 anni di sfiga). Immobilizzata  sul pavimento per circa 1 ora e 40 minuti, cerca di arrivare al caricatore per accendere il suo Samsung in modo da poter chiamare soccorsi, ma è scarico come le sue aspettative dalla vita. Viene sorpresa dalla coInquilina che le prende in prestito (leggasi le sottrae) il caricatore, calpestandola e lasciandola morire sola.

 

LEVO – RECONDITE 

 

 

Di Roma, famiglia abbiente, vuole fare l’attrice, una bellezza Bertolucciana. Forse non intelligentissima, si obbliga a letture esageratamente impegnate (fisica quantistica, Hegel) da cui non trae però alcun tipo di insegnamento. Si è INNAMORATA dell’opera di Sorrentino ed è tutta la vita che aspetta di rifare la scena della Ferilli nello strip club (dato che il film è di un paio di anni fa e lei probabilmente ha 18 anni). Quel momento è arrivato, lei é un sogno.

 

CONCOR – TALE OF US

 

 

Stylist, vive a Milano. Uno spirito libero, una cavalla selvaggia. Ha lavorato in Condé Nast e vive in zona Solferino (si è appena trasferita da Porta Romana), viaggia molto e ama la natura. La sua più grande passione? Ibiza. Ci va ogni anno e ama muoversi da spiagge e kaftani a festini e acidi. Ed è li che balla davanti ad un proiettore per il figlio dell’ambasciatore ucraino questo pezzo dei Tale of Us.

Comments